Georg Büchner e il nuovo teatro in Italia (1950-1989)

Valentina Valentini

Abstract


Il saggio affronta il tema della presenza del teatro di Georg Büchner sulle scene italiane a partire dalla seconda metà del Novecento nel contesto del nuovo teatro. Si tratta di una analisi di spettacoli rilevanti sia per la qualità artistica della pratica teatrale dei loro autori sia per un certo sentimento del tempo storico in cui sono stati realizzati: La morte di Danton (1950) del giovane regista Giorgio Strehler, nel clima esistenzialista dell'Italia della ricostruzione; le lotte operaie nel Woyzeck (1969) di Carlo Cecchi sul finire degli anni Sessanta; quelle studentesche del movimento del '77 in Dire fare baciare: viaggio dentro Leonce e Lena di Georg Büchner che Giuliano Scabia ha attraversato con i suoi studenti al DAMS di Bologna; l'istanza analitica e anti interpretativa in La morte di Danton (1975) di Simone Carella; la caduta delle ideologie del postmoderno nel Woyzeck (1989) di Mario Martone. Il criterio che ci ha guidato nella selezione del campione è stato di ritrovare in questi spettacoli la capacità di raccontare il presente degli spettatori – richiamando il concetto foucaultiano di ontologia del presente.

Full Text

PDF


 

ISSN: 0039-2952