Hamsun in Italia 1899-1923. La molteplicità di voci e le traiettorie di un precoce tentativo di ricezione: una ricognizione attraverso i paratesti

Sara Culeddu

Abstract


L’articolo propone una panoramica sulla prima ricezione di Hamsun in Italia ed è ideato come un percorso diacronico tra i primi testi tradotti e i loro paratesti (titolo, prefazione, presenza del nome del traduttore, copertina; ma anche recensioni, articoli, studi critici, corrispondenze, bozze, manoscritti, ecc.). Tra gli elementi paratestuali disponibili ci si propone di cercare ‘tracce’ che possano aiutare a ricostruire le tappe del tragitto delle prime traduzioni di Knut Hamsun in Italia. Intendendo tali tracce nella loro espressione ‘vocale’, si procede dunque a identificare le voci (testuali, contestuali e intertestuali) che partecipano e contribuiscono al viaggio dei testi tradotti. Quella delle prime traduzioni hamsuniane in Italia è una storia di traduzione indiretta, che richiede dunque di investigare non solo la presenza della voce dei traduttori e mediatori italiani, ma anche quella dei traduttori e mediatori della cultura intermedia interessata.


Full Text

PDF


 

ISSN: 0039-2952