«Gleich dem Ritter von der Mancha»: Hugo Balls und Emmy Hennings’ Auseinandersetzung mit dem «Ritter von der traurigen Gestalt»

Lorella Bosco

Abstract


Il contributo analizza l’intreccio di (auto)biografia e programma estetico-politico insieme alle sue implicazioni poetologiche nella ricezione della figura di Don Chisciotte da parte di Hugo Ball e di Emmy Hennings. I due scrittori tematizzano a più riprese l’ambivalenza dell’eroe di Cervantes, sia per quanto concerne il processo di percezione e costruzione del mondo attraverso il medium letterario che porta al fallimento sul piano della realtà, sia come messa in discussione di una dimensione oggettiva la cui coerenza e compattezza sembrano vacillare rispetto all’agire di Don Chisciotte, ispirato a nobili ideali letterari. Come l’hidalgo, i santi e gli asceti di Ball e le eroine picaresche di Hennings incarnano un antieroismo dai tratti utopici che si oppone nettamente alla tassonomia di valori della cultura e della società tedesca del tempo con il suo nazionalismo di stampo prussiano.  


Full Text

PDF


 

ISSN: 0039-2952