Melancolia e Satana. Walter Benjamin e 'Agesilaus Santander'

Luca Crescenzi

Abstract


Il saggio presenta uno studio su Agesilaus Santander di Walter Benjamin e sulla vicenda delle sue interpretazioni. Nella prima parte vengono considerate le posizioni implicitamente o esplicitamente divergenti da quella, rimasta paradigmatica, che Gershom Scholem sviluppò nel 1971 al momento di rendere noto il testo. Nella ricostruzione qui sviluppata, il suo studio, diventato celebre con il titolo Walter Benjamin e il suo angelo, suscitò la reazione di Peter Szondi, che ebbe un'eco significativa nelle interpretazioni celaniane di Hans Georg Gadamer e, successivamente, quella di Giorgio Agamben. Nella seconda parte il saggio articola un commento alla prosa di Benjamin che muovendo dal tema "melancolico" del testo ne riordina le immagini e i motivi ricostruendo la nascosta visione del filosofo e del suo lavoro che essa ermeticamente racchiude. 

Full Text

PDF


 

ISSN: 0039-2952